Gran bella serata, ragazze vi voglio bene!

La mia serata di ieri è cominciata alle 21:30 col bellissimo concerto di Giovanni Sollima,violoncellista palermitano che vanta collaborazioni con i più grandi direttori d’orchestra del mondo ma anche con registi del calibro di Marco Tullio Giordana(per le colonne sonore de I cento passi e La meglio gioventù). Il repertorio bachiano con cui ha aperto il concerto mi ha inizialmente lasciata un po’ perplessa, colpa delle mie difficolà di comprensione della musica barocca?probabile.Ma non posso,comunque, fare a meno di apprezzare, entusiasta,l’abilità interpretativa di quest’omino vestito di nero che non avevo mai visto suonare dal vivo e che sembra abbracciare completamente il suo strumento. La mia aspettativa maggiore però era per le sue composizioni e per Hendrix,già proprio lui,Hendrix!Ad ogni modo, sono subito accontentata:parte Concerto rotondo,una composizione di Sollima del 1998, un delirio. Stranissima nella forma-non ci sono temi ricorrenti né melodia chiaramente distinguibile-ma ancora più strani sono i suoni che fuoriescono da quel violoncello che Sollima ha in corpo, sì in corpo non in mano perché proprio tutto il corpo è in movimento mentre suona e sembra essere parte integrante della composizione. Rimango allibita, senza parole, ipnotizzata da quei movimenti dell’archetto e delle dita, sembra esserci materiale sonoro vocale in quello che sento, eppure non canta nessuno, c’è solo un violoncello pizzicato, strofinato, vibrato, masturbato oserei dire, e con un coinvolgimento ed un’espressione corporea tali da coinvolgermi completamente. Fine prima parte, intervallo.Mi devo riprendere, ho bisogno di un po’ d’aria.
Comincia la seconda parte del concerto, ma dopo il pezzo che ho sentito prima credo di potermene anche andare, me ne fotto di Hendrix, quello che dovevo sentire di Sollima era lì, nelle note da cui sono stata travolta prima.La curiosità, ovviamente, mi costringe a rimanere fino alla fine.E così sia.3 accordi familiari, li conosco…è lei, Angel ,ha cominciato con Hendrix!Destrutturato, scardinato, sconvolto, spezzettato, analizzato e riattacato insieme, ma come cazzo si fa a rendere col violoncello la chitarra elettrica di Jimi??????!!!!!com’è e come non è, fatto sta che lui ci riesce, e anche bene, mannaggia a lui!E non contento di tutto ciò, continua con Purple Haze!un delirio anche questo. Non ci credo,non può essere, c’è un che di erotico in quello che suona, o forse è come lo suona…non lo so…La mia impressione viene subito confermata da Natural songbook, un susseguirsi di note incazzate e passionali allo stesso tempo,accompagnate da ansimi,ruggiti,sussuri dello stesso Sollima in un climax ascendente che si conclude con un apice finale, praticamente un orgasmo. Mi sentivo galvanizzata da tutto ciò.
La serata non può che proseguire bene con la festa nella mitica casa Ylenio. Bella gente allegra che beve, chiacchera, ride, fuma e con gli ultimi rimasti(verso le 3 e mezza) si finisce anche a cantare con Serena alla chitarra.Il tutto si è svolto entro la soglia di tolleranza, dato che non c’erano scene di donne sdraiate per terra ubriache e con un secchio accanto pronto per l’uso(mai fatta una cosa del genere io,vero Serena?) né gente trovata addormentata abbracciata al cesso(neanche questa l’ho mai fatta, chiunque può confermare, vero?), insomma nessuno ha vomitato ed eravamo tutti felici e contenti. Bello bello, mi sono divertita, e soprattutto si è divertita Veronica, la festa era tutta per lei.
L’atmosfera era davvero felice e se penso che il prossimo anno…argh!che coccolone, cacchio!!!!!
Raga’ siete meravigliose!
Annunci

~ di penna bianca su dicembre 4, 2006.

3 Risposte to “Gran bella serata, ragazze vi voglio bene!”

  1. ehi, mi piace quello che hai scritto!
    parlare di musica sarà anche come ballare di architettura, ma se lo si fa bene, è solo un modo per trasmettere emozioni. e ci sei riuscita. e non diventare rossa. 😉
     
    e la festa… si, è piaciuta tanto anche a me 🙂
     

  2. A parte me e qualche altro povero disperato nessuno ascolta musica barocca..per cui non hai difficoltà di comprensione!
     
    Per quanto riguarda la festa…mi è piaciuta molto, ma adesso mi stai facendo rimpiangere il fatto di non aver visto qualcuno vomitare e addormentarsi abbracciando il cesso (che ci tengo a precisare, onde evitare analogie varie, non sarei io, ma la tazza di ceramica!:P)
     
     
     

  3. Slavuzza,hai saputo riassumere benissimo il divertimento di domenica…
    MITICA CASA YLENIO ragazze mi mancherete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
A Violent World of Difference

A blog inspired by my AHRC-funded project on Magnus Hirschfeld, violence and modern queer culture.

Heritage Calling

A Historic England Blog

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Mr. Library Dude

Blogging about libraries, technology, teaching, and more

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

Martin Cahill

Writer of Sci-Fi, Fantasy, and Everything In-Between

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

XXX

be_come as you are

gendertoxic

la gatta sul petto che sbotta

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

Literaturesalon's Blog

art, literature and culture

The London Column

Reports from the life of a city, from 1951 to now, compiled by David Secombe

BlinK

Stella Grasso Photography

L'arte di tacere

«Il primo grado della saggezza è sapere tacere; il secondo è saper parlare poco e moderarsi nel discorso ....» [Abate Dinouart ne "L'arte di tacere", Parigi, 1771]

Torte Scorrevoli

Siamo tornati!

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Purposefully Scarred

Hope for Survivors of Abuse

mariangelicacorrera

Trascorriamo i nostri anni come una storia che viene raccontata

Pierot Café

Gli altri esseri umani li trovai nella direzione opposta.

Il lato fucsia della forza

Il blog di Dario Accolla

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

log.wordpress.com

about whatever :P

Traveleze around the world

tales of a travelling life

Scrittori precari

Saranno anche precari, ma di certo non sono scrittori (Libero, 1/9/09)

thomasvivienne

This WordPress.com site is the bee's knees

BINARYTHIS

EVERYTHING YOU ALWAYS WANTED TO KNOW ABOUT GENDER BUT WERE TOO AFRAID TO ASK

Around the world in 80 Home Exchanges

Il giro del mondo in 80 Cambi Casa

PAROLA d♪ MUSICISTA

NOTE, STORIE E RACCONTI NELLE VITE DEI MUSICISTI "Prima la Musica poi le Parole" [A.Salieri,1750- 1825]

Nomadi Stanziali

Appunti e Ritagli, per partire ma anche per restare

BlogNotes

il favoloso (?) mondo del giornalismo

terzapersona | giorni (s)postati | scrittura

Appunti di scrittura, racconti, frammenti, letture

ZeroFanzine

La mia generazione è una scintilla in attesa di un lago di benzina. Manuel pour la révolution!

Il Blog di Gloria Aurora Sirianni

libertà vo cercando ...

Molto Humor Per Nulla

no Measure for Leisure

piccoli maestri

una scuola di lettura per ragazzi

Nomfup

Only connect

NUOVACUBA

“Cuba è il paese che ha prodotto più esuli in oltre un secolo e mezzo di storia americana”

Hecho en Cuba

Difícil de hacer, fácil de leer

NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE

nemmeno costruendo una canoa.

Fotov.italy

Il mondo del fotovoltaico a portata di click

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: